Decreto di espulsione e valutazione della natura e della effettività dei vincoli familiari dell’interessato

Corte di Cassazione, ordinanza n. 5360 del 22 febbraio 2019

L’ordinanza cassa con rinvio una decisione del Giudice di Pace di Palermo, limitatosi ad affermare che l’esistenza di un nucleo familiare non può far ritenere legittima la permanenza in Italia di uno straniero, e fornisce una lettura ampia dell’art. 13, comma 2 bis, del d.lgs. n. 286/1998.
La Cassazione, infatti, ritiene necessario valutare la legittimità di un decreto di espulsione tenendo conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell’interessato, della durata del suo soggiorno nel territorio nazionale, nonché dell’esistenza dei legami familiari, culturali o sociali con il suo Paese di origine anche se non in regola con la normativa sull’ingresso e sul soggiorno nel territorio italiano (in senso conforme sono state emesse altre ordinanze simili, n. 5361, n. 5362, n. 5363 del del 30.01/22.02.2019)

– Scarica l’ordinanza
Corte di Cassazione, ordinanza n. 5360 del 22 febbraio 2019