//

Più di 350 migranti afghani sono morti vicino al confine turco negli ultimi 9 mesi

1TVNews.af, 21 dicembre 2019

Più di 350 richiedenti asilo afghani sono morti in prossimità del confine turco negli ultimi nove mesi, ha dichiarato il Console Generale dell’Afghanistan a Istanbul, definendo la cifra scioccante.

Anche coloro che hanno raggiunto la loro destinazione si trovano in difficoltà e stanno cercando di tornare a casa, ha affermato Zakaria Barekzai.

Secondo Barekzai, 30.000 richiedenti asilo afghani in Turchia stanno cercando di tornare in patria a causa delle difficoltà nel paese ospitante.

Finora, secondo i dati ufficiali, sono più gli afghani che i siriani ad essere emigrati nell’Unione europea, rendendoli la nazionalità più numerosa ad entrare nel blocco.

Syed Abdul Basit Ansari, portavoce del Ministero dei rifugiati e del rimpatrio dell’Afghanistan, ha affermato che sono stati fatti tentativi per sensibilizzare la popolazione riguardo all’immigrazione irregolare, ma le campagne, a tal proposito, non sono state efficaci.

Molti degli afghani che sono emigrati in Europa quest’anno vivevano in Iran.

Secondo i funzionari, se ne stanno andando perché la politica americana ha notevolmente deteriorato la situazione economica in Iran.

L’economia iraniana è stata messa a dura prova da quando, lo scorso anno, il presidente Donald Trump ha reintrodotto le sanzioni economiche per costringere Teheran a rinunciare a ciò che Washington definisce una corsa agli armamenti nucleari.