Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza
/

Il prezzo della solidarietà

Lesbo. Video intervista a Eric Kempson, fondatore di Hope Project

schermata_da_2020-10-28_15-56-29.png
Eric Kempson vive sull’isola con la sua famiglia da oltre vent’anni e dal 2015 in seguito ai primi sbarchi ha cominciato a dedicare la propria quotidianità al supporto dei rifugiati detenuti forzatamente in condizioni disumane.

Lo intervistiamo a Hope Project, a pochi passi dal nuovo campo governativo, da lui fondato ma gestito interamente dai rifugiati stessi che lo attraversano. Sono numerose le attività che qui vengono portate avanti: una zona docce, una cucina per la preparazione dei pasti, una palestra per donne, un grande magazzino per la distribuzione di beni di prima necessità e un laboratorio d’arte.

Dopo i primi sbarchi, Eric e Philippa, sua moglie, hanno deciso di affittare un hotel per trasformarlo in un rifugio per i migranti fino a quando le autorità dell’isola non hanno deciso di chiuderlo, sostenendo che la coppia non disponesse di regolare licenza turistica necessaria a gestire una struttura alberghiera, condannandoli inoltre a pagare una multa da 10.000 euro “Le autorità hanno bloccato il mio conto corrente. – continua Eric – Non abbiamo pagato questa multa e non abbiamo intenzione di farlo perché le loro motivazioni sono completamente folli. Ci hanno accusato di vendere pacchetti vacanze su Amazon ma sappiamo benissimo che era un pretesto: non potevano accettare che questo hotel venisse utilizzato per assistere i rifugiati”.

La volontà del governo di sopprimere qualsiasi esperienza di accoglienza al di fuori dei campi governativi è da tempo chiara e manifesta: l’Hope Centre ieri, il campo di Kara Tepe – gestito dal municipalità di Mitilene – e il campo autorganizzato di Pikpa oggi. Per il governo greco, a Lesbo non c’è spazio per la solidarietà.

Il controllo sui rifugiati non si ottiene solamente attraverso lo smantellamento delle esperienze di accoglienza extra governative ma anche allontanando e criminalizzando le organizzazioni indipendenti che operano sull’isola. All’interno dei campi ufficiali possono operare solamente le grandi agenzie, lautamente finanziate dal governo e dalla Commissione Europea e corresponsabili delle condizioni di vita nei campi.

Gli attivisti, le ong e i rifugiati presenti sull’isola devono fare i conti anche con i massicci attacchi e le continue intimidazioni che provengono dai gruppi neofascisti dell’isola. Le gravi minacce che anche Eric e la sua famiglia subiscono hanno rasentato la quotidianità: “Veniamo aggrediti quotidianamente. Hope Project ha subito diversi attacchi, mia moglie poche ore prima di quest’intervista è stata pedinata e insultata. Mia figlia ha ricevuto diverse minacce di stupro. – continua Eric con gli occhi lucidi – Noi siamo ancora qui, è difficile ma facciamo del nostro meglio. Non possiamo girarci dall’altra parte”.

– Per fare una donazione a The Hope Project clicca qui
– Per acquistare le opere del laboratorio d’arte clicca qui

#Lesvoscalling

Una campagna solidale per la libertà di movimento
Dopo il viaggio conoscitivo a ottobre 2019 a Lesvos e sulla Balkan route, per documentare e raccontare la drammatica situazione sull'isola hotspot greca e conoscere attivisti/e e volontari/e che si adoperano a sostegno delle persone migranti, è iniziata una campagna solidale lungo la rotta balcanica e le "isole confino" del mar Egeo.
Questa pagina raccoglie tutti gli articoli e il testo di promozione della campagna.
Contatti: lesvoscalling@gmail.com