Illegittimo da parte del Comune negare la registrazione del patto di convivenza

Tribunale di Benevento, ordinanza del 19 gennaio 2022

Foto di Snapwire da Pexels

Il Tribunale di Benevento, accogliendo la tesi difensiva, ha condannato il Comune di Benevento alla registrazione del patto di convivenza tra cittadino italiano e cittadina extracomunitaria.

Nello specifico il Comune aveva rifiutato la registrazione del patto di convivenza e, dunque, della convivenza anagrafica dei ricorrenti sulla convinzione: 
– che la convivenza di fatto può essere fatta solo da persone già regolarmente residenti;
– della irricevibilità della dichiarazione di residenza per assenza di un permesso di soggiorno;
– mancata allegazione del certificato consolare di stato libero della ricorrente.

Il Giudice, in continuità con la giurisprudenza già formatasi, ha ritenuto illegittimo il rifiuto del Comune –sotto i primi due punti – per contrarietà all’art. 9 del D.lgs n. 30/07 alla luce dei principi della Direttiva europea 38/014CE di cui il predetto d.lgs è applicazione ed ha altresì ritenuto irrilevante l’allegazione del certificato consolare di stato libero in quanto:

“Il riconoscimento della convivenza more uxorio quale “fatto” giuridicamente rilevante, l’ufficialità del contratto di convivenza ex comma 50 art. 1 della L.  70/16, il suo valore probatorio e la sua registrazione ai soli fini della opponibilità e non già della sua validità, in uno all’applicabilità al caso di  specie dell’art. 9 del D.lgs n. 30/07 alla luce dei principi della Direttiva  europea 38/014CE di cui il predetto d.lgs è applicazione, rendono ingiustificato il diniego di registrazione anche con riferimento all’omessa allegazione di una dichiarazione consolare di “stato libero” della ****, essendo anch’esso elemento estraneo alla definizione e alla operatività dell’istituto giuridico in esame. Ne sia riprova il fatto che:
1) il legislatore ha operato un richiamo all’art. 116 comma 1 c.c. unicamente per le unioni civili (comma 19 dell’art. 1 L. 70/16) e non anche per le convivenze di fatto;
2) per l’effetto, dalla registrazione non discende alcuna annotazione nell’archivio dello stato civile, ma solo nella scheda anagrafica individuale di famiglia (così ribadito anche dalla Circolare Ministero dell’Interno n. 7 del 01/06/16);
3) la validità del contratto di convivenza è subordinata dal legislatore alla mera sottoscrizione del pubblico ufficiale e della sua conseguente attestazione di non contrarietà alle norme di ordine pubblico”.


Si ringrazia l’avv. Paola Ferrannini per la segnalazione e il commento.