/

Lo sfruttamento dei rider del food delivery. Caporalato, lavoro straniero e piattaforme digitali

Un libro di M. Davide Sartori, Elison Paperback

Pensare che il caporalato e lo sfruttamento lavorativo riguardino solo il settore agricolo e le zone rurali del nostro Paese è un errore. I recenti provvedimenti giudiziari sull’intermediazione illecita in danno dei rider del food delivery hanno svelato l’esistenza di pratiche di sfruttamento lavorativo anche nell’ambito della gig economy.

I giudici hanno dimostrato come dietro ai servizi forniti tramite piattaforma digitale possano celarsi penetranti ingerenze ed abusi nell’organizzazione e nella gestione dell’attività lavorativa dei rider. Questi ultimi, ingaggiati con contratti di lavoro autonomo occasionale, venivano obbligati a turni di lavoro massacranti, sanzionati in caso di comportamenti sgraditi al committente e messi in pericolo nella loro integrità psico-fisica.

Inoltre i rider vittime di caporalato e sfruttamento erano in gran parte stranieri, richiedenti protezione internazionale e residenti in centri di accoglienza; dunque soggetti particolarmente fragili, vulnerabili e più facilmente ricattabili per ragioni legate alla regolarità del loro soggiorno nel territorio dello Stato.

L’autore

M. Davide Sartori è laureato in Studi Europei ed in Scienze Giuridiche presso l’Università del Salento, abilitato all’esercizio della professione di Consulente del Lavoro, consegue il Master di primo livello in Prevenzione dei Rischi e Gestione della Sicurezza del Lavoro – Safety Management, presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – Fondazione Marco Biagi. Attualmente lavora presso gli uffici del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lecce.

Argomenti di studio e ricerca: diritto del lavoro pubblico e privato, sicurezza sul lavoro, diritto delle professioni, lavoro e migrazioni.