E’ illegittimo il decreto di espulsione emesso nei confronti di un cittadino straniero intenzionato a richiedere la protezione internazionale

Giudice di Pace di Milano, ordinanza del 15 settembre 2017

Foto tratta da MilanoInMovimento.com

Il Giudice di Pace di Milano accoglie il ricorso avverso un decreto di espulsione illegittimo, poiché emesso nei confronti di un cittadino nigeriano intenzionato a richiedere la protezione internazionale.

Questo episodio si inserisce più in generale nella prassi illegittima da parte di Questura e Prefettura di Milano 1 di sviamento della procedura di avvio dell’iter della richiesta di protezione, di fatto impedendo la presentazione stessa della domanda.

Per procedere all’espulsione di un cittadino straniero è necessaria la verifica della regolarizzabilità dello straniero e dell’inesistenza di un divieto di espulsione previsto dalla normativa (Corte Cost. 369/99 e 226/04). Un divieto di espulsione è quello previsto dall’art. 19 comma 1 del T.U. a mente del quale non può disporsi l’espulsione verso uno stato in cui lo straniero possa essere oggetto di persecuzione. Lo straniero è cittadino nigeriano e assume di essere scappato dal proprio paese a causa di violenze subite sia direttamente che dalla propria famiglia (…)“.

– Scarica l’ordinanza
Giudice di Pace di Milano, ordinanza del 15 settembre 2017

  1. Si veda la denuncia del Naga: http://www.meltingpot.org/La-casella-giusta.html