Permesso per motivi familiari ex art 19 – Convertibile in pds per motivi di lavoro

L'Ordinanza del Tar Trento n. 142 ribadisce il contenuto della circolare n.

Il permesso di soggiorno per motivi familiari rilasciato in base all’art 19 del Testo Unico Immigrazione può essere convertito in altre tipologie di permesso di soggiorno.
Lo ha ribadito il Tar Trento con l’ordinanza n. 142 del 12 novembre dopo che la Questura di Trento aveva rigettato una richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato ad un cittadino marocchino.
Quest’ultimo, entrato in Italia nel 2006 con visto per lavoro stagionale, dopo sette mesi dalla scadenza del soggiorno, aveva richiesto un permesso per motivi familiari, essendo convivente con cugino, cittadino italiano.

Prima della scadenza di questo titolo, nel maggio 2010, l’interessato, non convivendo più con il cugino e lavorando ormai da anni, aveva richiesto la conversione del pds per motivi familiari in permesso per motivi di lavoro subordinato.
La Questura di Trento rigettava l’istanza sostenendo che le modifiche all’art. 19, comma 2, lett c, TU, introdotte dalla L. 94/2009, non consentivano la conversione del permesso da famiglia a lavoro subordinato, essendo il permesso in suo possesso non equipollente alle varie categorie di permessi per motivi familiari.
Le modifiche riducevano il divieto di espulsione dei familiari conviventi con cittadini italiani dal quarto al secondo grado di parentele.

Il TAR Trento ha accolto l’istanza di sospensiva sostenuta dagli Avv.ti Marta Stefani e Renata Saltori, applicando la circolare del Ministero degli Interni n. 5715 del 15 settembre 2009, la quale consente la conversione del permesso proprio nel caso di specie, qualora ne sussistano i requisiti.

Ordinanza del Tar Trento n. 142 del 12 novembre

Circolare del Ministero dell’Interno n. 5715 del 15 settembre 2009

Vedi anche:
Il permesso di soggiorno ex art. 19 c. 2 (parente convivente di cittadino italiano) dopo l’entrata in vigore del pacchetto sicurezza. Per quanto è valido e cosa succede al momento del rinnovo?