Bologna – La rabbia dei rifugiati dei Prati di Caprara contro Croce Rossa Italiana e accoglienza Emergenza Nord Africa

Continuano le proteste dei migranti per diritti e dignità oltre l'emergenza

Dopo la mobilitazione per partecipare alla Cabina di Regia regionale lo scorso 20 dicembre, questa mattina i 130 migranti nigeriani alloggiati da mesi in uno stabile fatiscente gestito dalla Croce Rossa nell’ambito della cosiddetta Emergenza ENA sono saliti nell’ufficio della Croce Rossa Italiana (CRI) presso i Prati di Caprara per protestare con il responsabile della struttura chiedendogli conto della promessa di interpellare la prefettura per il rilascio del titolo di viaggio, documento equipollente al passaporto necessario per poter godere della libertà di circolazione nell’area europea.

Esasperati dai continui rinvii e dalle risposte vaghe ed inconsistenti ricevute dal Sindaco Merola e dall’Assessore regionale Marzocchi, i migranti hanno chiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine per denunciare lo stato di abbandono in cui si trovano da 20 mesi, chiedendo loro di far rispettare alla CRI gli impegni presi con la stipula della convenzione per la strttura di accoglienza.
Dopo l’intervento degli agenti della Questura è finalmente giunto sul posto il responsabile della CRI, Michele Camurati, a lungo irreperibile e solitamente non disponibile ad incontrare i migranti. Di fronte alle proteste e alle istanze sollevate, Camurati ha declinato ogni responsabilità; è stata allora formata una ristretta delegazione che si è recata in Prefettura dove hanno incontrato un funzionario facente funzioni di vice-prefetto, a acui è stato chiesto di provvedere al rilascio dei titoli di viaggio e all’erogazione di un contributo di uscita idoneo a sostenere le spese per una sistemazione alloggiativa dopo il 28 febbraio.
Il funzionario della Prefettura ha dichiarato di che si attiverà presso la Questura per il rilascio del titolo di soggiorno, promettendo che entro la fine della prossima settima i migranti sarebbero stati convocati per la consegna. “Un impegno che deve trasformarsi in realtà, dicono i migranti, altrimenti continueremo la mobilitazione e torneremo in Prefettura finché non si capirà cosa succede dopo il 28 febbraio”.

Video 1
I rifugiati consegnano al responsabile della struttura CRI l’assegno di 3 milioni di euro erogati dallo Stato Italiano alla CRI, protestando perché non hanno beneficiato di nessun servizio

Video 2
I rifugiati sollecitano il responsabile della struttura CRi e protestano per la mancata distribuzione di abbigliamento e vestiario seppur previsto dal Patto di Accoglienza

Le mobilitazioni dei migranti dei Prati di Caprara

Bologna – Celere e arroganza accolgono i migranti della guerra in Libia

Bologna – 2013, Fine dell’emergenza. Un’altra accoglienza è possibile. Presidio sotto alla Regione giovedì 20 dicembre

Bologna – I richiedenti dell’emergenza nord africa: a Sindaco e Assessore regionale chiediamo un impegno per alloggi e progetti di inclusione

Bologna – Filmato della manifestazione Diritti Dignità Futuro

Bologna – Assemblea cittadina ai Prati di Caprara: diritti, dignità, futuro per i migranti dell’emergenza nord africa

Bologna – Stop all’accoglienza miserabile! Marcia della dignità dei migranti provenienti della Libia