Photo credit: Antonio Sempere
/

Criminalizzazione della migrazione e profilazione razziale nei confini meridionali della Spagna

Intervista a Maite Daniela Lo Coco dell’Associazione per la difesa dei Diritti Umani IRIDIA

Start

A cura di Gustavo Alfredo Garcia Figueroa ed Eva Bearzatti.

La strage di Melilla come conseguenza di una tendenza nella politica migratoria dell’Unione Europea.

Iridia è un centro per la difesa dei diritti umani che nasce a Barcellona 6 anni fa. Il suo scopo principale è quello di monitorare e denunciare le violazioni dei diritti che hanno a che fare con la violenza istituzionale.

In questa intervista a Maite Daniela Lo Coco, responsabile dell’area migrazioni dell’associazione, abbiamo parlato della “frontera sur” su cui si concentra il lavoro di Iridia.
«Stiamo assistendo», ci spiega l’attivista, «al consolidamento di una politica con un quadro di esternalizzazione delle frontiere dove la dinamica del controllo migratorio e la criminalizzazione della migrazione che si genera nell’Unione Europea viene poi trasmessa ai paesi vicini in diverse modalità».

«Quest’ultima pressione sulle politiche migratorie data dall’accordo dello scorso anno tra Spagna e Marocco, ha avuto delle conseguenze: il numero di morti più alto mai registrato nella storia di questi confini. E’ stato il risultato di una dinamica che va avanti da molti anni, che è storica, una logica di repressione, soprattutto contro i neri, e che risponde a una logica di collaborazione e cooperazione tra Spagna e Marocco su altre questioni che si concretizzano infine nelle questioni migratorie».

Nei giorni scorsi è stata diffusa la notizia che il Marocco riceverà 500 milioni dall’UE per controllare le frontiere. Il pacchetto finanziario preparato da Bruxelles aumenta di quasi il 50% gli aiuti a Rabat contro la cosiddetta “immigrazione irregolare“.

Le interviste di Radio Melting Pot
Le interviste di Radio Melting Pot
Intervista a Maite Daniela Lo Coco, associazione Iridia
/

Qui l’ultimo rapporto pubblicato da Iridia nel maggio 2022:

Radio Melting Pot

Per la libertà di movimento, per i diritti di cittadinanza
For freedom of movement, for citizenship rights
Por la libertad de movimiento, por los derechos de ciudadanía

Pour la liberté de mouvement, pour les droits à la citoyenneté
من أجل حرية التحرك، من أجل الحقوق والمواطنة

Dal febbraio 2022 prende avvio un nuovo progetto di Radio Melting Pot che ha l’obiettivo di promuovere un protagonismo diretto delle persone coinvolte nei processi migratori.
Grazie a "Call to refugees”, realizzato con i Fondi dell'Otto per Mille della Chiesa Valdese, abbiamo l'opportunità di allargare e far crescere la redazione.

Gustavo Alfredo García Figueroa

Sono un immigrato venezuelano, laureato in Sociologia all'Università Centrale del Venezuela e attualmente frequento il master in Sociologia all'Università degli studi Roma Tre.
Nel mio paese ho fatto ricerca e didattica sulle condizioni sociali delle persone con disabilità e ho insegnato nell'istituto di ricerca strategica sull'Africa e la sua diaspora (Caracas).
A Padova collaboro come editore della casa editrice indipendente specializzata in letteratura latinoamericana, caraibica e migrante per l'infanzia Oso Melero Edizioni.