Distribuzione di beni di prima necessità (Food distribution) - Foto di LOGS
/

Note balcaniche

A Timișoara, dove l'accoglienza è differenziale: la prima tappa del viaggio fino a Sofia, passando per Šid, Subotica e Belgrado

Start

Questo è il primo di una serie di articoli che riguardano un viaggio da Timișoara a Sofia, passando per Šid, Subotica e Belgrado organizzato da Leone Palmeri e Joyce Modolo, co-autore dell’articolo: “Il nostro intento è incontrare le persone che stanno tentando di arrivare in Europa, capire le loro principali lotte e capire come le organizzazioni locali e internazionali supportano le persone in movimento”.


La mattina dell’1 agosto abbiamo lasciato Cluj-Napoca, nel nord est della Romania, e abbiamo iniziato il nostro viaggio lungo la rotta balcanica con destinazione finale Sofia, Bulgaria. La nostra prima tappa è stata Timișoara, una città rumena a circa 50 km dal confine con la Serbia, nota per essere un punto strategico della rotta balcanica, soprattutto dal 2015, quando il governo ungherese ha militarizzato il confine con la Croazia e la Serbia, e ha costruito un muro per impedire alle persone di attraversarla.

Ultimamente il numero di persone che tentano di recarsi in Ungheria dalla Romania è diminuito, e l’attenzione generale si è spostata sulla crisi ucraina. Tuttavia ci sono ancora alcune organizzazioni che sono punti di riferimento per i rifugiati non ucraini in città, e continuano a offrire il loro sostegno alle persone in movimento, e alle persone provenienti da gruppi emarginati e svantaggiati, come la popolazioni roma-sinti.

Dreptu la Oraș, è un gruppo anarchico di sinistra che fornisce supporto e assistenza alle persone vulnerabili che vivono o transitano in città. Hanno deciso di incontrarci nel loro centro, chiamato Centru Social Ledera, da dove coordinano le loro azioni negli insediamenti informali abitati dai rifugiati, e dove offrono servizi di base alle persone bisognose di assistenza.

Durante le nostre conversazioni con la gente di Dreptul la Oraș, siamo riusciti a capire che le persone arrivano in Romania attraverso l’area circostante Moravița, una piccola città al confine con la Serbia. In genere, rimangono a Timișoara per circa un mese, finché non riescono a trovare e pagare qualcuno disposto ad aiutarli ad attraversare il confine con l’Ungheria, attraverso la città di Nădlac.

In attesa di attraversare il confine ungherese, queste persone tendono a vivere in insediamenti informali che stabiliscono in edifici abbandonati, e alla periferia della città dove ci sono spazi verdi dove piantare le tende.

Il prezzo di un passaggio per l’Ungheria è di circa 3.000 euro, che viene pagato ai cosiddetti calouşa, che fungono da guide e contrabbandieri, aiutandoli a trovare camion in cui nascondersi o percorsi percorribili a piedi durante la notte. Di solito i trafficanti cercano anche di raggiungere i paesi dell’Europa occidentale, ma rimangono più a lungo in una città o paese per raccogliere denaro per la parte successiva del loro viaggio, il che dimostra come la distinzione tra persone in movimento e trafficanti sia porosa e fluida.

Il governo locale e le istituzioni che lavorano nel comune di Timișoara, secondo Dreptu la Oraş, non forniscono alcuna assistenza significativa ai rifugiati che non provengono dall’Ucraina. In effetti, l’attuale sindaco Dominic Samuel Fritz, parte del partito progressista USR PLUS, dopo una rissa tra due gruppi di rifugiati che ha portato all’accoltellamento e alla morte di un uomo pashto, è diventato molto più conservatore. Ora sostiene che i rifugiati dal Medio Oriente sono un problema che il governo centrale rumeno dovrebbe risolvere, inviando più personale militare, e non una responsabilità del comune di Timișoara.

Inoltre, dopo l’accoltellamento, il sindaco e le istituzioni hanno cambiato radicalmente atteggiamento nei confronti di queste persone, chiedendo ai cittadini di denunciare i rifugiati non protetti e minacciando le strutture di accoglienza che ospitavano le persone in movimento.

La polizia locale è anche nota per essere disumana e violenta nei confronti delle persone del Medio Oriente, scatenando su di loro i cani in spazi ristretti, picchiandoli con bastoni, sottraendo loro soldi, telefoni cellulari, scarpe e altri effetti personali, prima di riportarli al confine, costringendoli a loro di uscire dal paese.

A causa di questa ostilità, della mancanza di sostegno da parte delle istituzioni locali e delle poche opportunità concesse ai rifugiati mediorientali in Romania, è abbastanza raro che queste persone decidano di rimanere nel Paese, e la stragrande maggioranza cerca di completare gli ultimi valichi di frontiera che li separano dall’Europa occidentale.

Organizzazioni internazionali come OIM e UNHCR, secondo Dreptu la Oraş, non forniscono alcun sostegno significativo ai rifugiati a Timișoara. Al contrario, ci sono state indagini che hanno mostrato come Frontex sia anche responsabile dei respingimenti e di violazioni dei diritti umani1.

I rapporti delle Nazioni Unite sui respingimenti e sulla violenza della polizia, secondo Dreptu la Oraş, sottovalutano intenzionalmente i numeri e la gravità della situazione, rivelando come le organizzazioni internazionali abbiano un atteggiamento criminale nel nascondere sotto il tappeto le violazioni dei diritti umani e la violenza che viene inflitta sui rifugiati mediorientali in Romania.

Per avere un quadro migliore della situazione di Timișoara abbiamo anche visitato LOGS, una delle principali ONG che lavora con i rifugiati in città, nata durante la crisi migratoria del 2019, e ormai punto di riferimento quando si tratta di fornire supporto umanitario alle persone in movimento.

LOGS fornisce aiuti umanitari, inclusione sociale e attività culturali con il sostegno della popolazione locale attraverso il crowdfunding, la preparazione dei pasti, la distribuzione di vestiti, e il supporto di primo soccorso di base come docce e cure mediche.

Dopo un’iniziale ondata di solidarietà verso i rifugiati mediorientali che si spostavano per la città, con la diminuzione del numero e il cambiamento di atteggiamento delle autorità locali, l’assistenza ai rifugiati ucraini è diventata l’attività principale dell’organizzazione.

Secondo David Lungu, un membro della ONG che ha accettato di rispondere alle nostre domande, e che è parte di LOGS dalla sua fondazione nel 2019, il numero di persone nei campi governativi della città è drasticamente diminuito, e questa parte di rotta balcanica sembra si sia spostata da Timișoara.

Poiché la maggior parte dei finanziamenti che LOGS riceve proviene da istituzioni private, e cittadini privati ​​​​che dirigono intenzionalmente i loro capitali solo per sostenere i rifugiati ucraini, LOGS non è in grado di fornire uguale assistenza alle persone in movimento. L’organizzazione può infatti fornire per ogni rifugiato ucraino 100 euro al mese, mentre solo 20 euro al mese per i rifugiati che provengono dai paesi del Medio Oriente.

Mentre i fondi che LOGS riceve devono essere diretti in base alla nazionalità, l’organizzazione non separa i due gruppi di rifugiati nelle attività che propongono, cercando di mitigare l’atteggiamento razzista che emerge dal sostegno che ricevono.

Come risultato della precedente esperienza di LOGS, l’organizzazione è stata in grado di adattarsi rapidamente all’afflusso di cittadini ucraini in città, istituendo un centro specializzato in collaborazione con il comune nel marzo 2022.

Questo centro si trova vicino alla stazione ferroviaria principale della città, e fornisce supporto ai cittadini ucraini nella ricerca di un alloggio, di una scuola e di un inserimento lavorativo. Grazie al coordinamento delle risorse provenienti dal comune e dalla popolazione locale, l’Ucraina Refugee Center è in grado di fornire alloggi gratuiti alla maggior parte delle persone che vengono a chiedere sostegno.

Per questi motivi, Timișoara è una città che mette in evidenza quanto sia ed è stata drasticamente diversa la risposta all’afflusso di persone in movimento, dimostrando come le politiche europee, le istituzioni locali, e la società civile continuino ad essere profondamente razziste, differenziando la tipologia degli aiuti che viene fornito, in base alla nazionalità.

  1. https://www.vice.com/ro/article/wx84az/abuzurile-politiei-de-frontiera-romane

Leone Palmeri

Sono un antropologo basato in centro Italia, specializzato in diritti umani agricoltura e migrazione, con esperienze in organizzazioni internazionali, le nazioni unite e con organizzazioni non governative locali che lavorano sulle intersezioni tra migrazione ambientalismo ed agricoltura. Sono madrelingua inglese ed italiano, amo viaggiare, e nel mio tempo libero scrivo articoli sui contesti migratori che mi circondano.