Gorizia – Vertice sul Cpt in municipio

Caso Cpt, dopo quattro anni per Gradisca e l’Isontino pare arrivato il giorno della verità. Oggi alle 9.30 la sala consiliare della cittadina ospita un incontro fra il prefetto Anna Maria D’Ascenzio, capo del dipartimento immigrazione del ministero dell’Interno, le massime autorità

Gorizia – Amianto alla Polonio? Nessuna risposta

GRADISCA «Abbiamo agito e agiremo sempre in quello spazio che ci è consentito come ente locale. È così che vogliamo ottenere dei risultati per opporci all’avvento del Cpt, anche se di quell’incontro chiarificatore con Pisanu richiesto più volte da Illy si sono

Protesta con pentole e striscioni

Pacifico presidio della “Rete” davanti al palazzo del governo Nessun compromesso né accordo. La Rete contro il Centro di temporanea permanenza si è fatta sentire ieri in piazza Vittoria, accogliendo il ministro Pisanu con pentole e striscioni. Nonostante la massiccia presenza di

Illy a Pisanu: no al centro immigrati di Gradisca

Il Governatore del Friuli Venezia Giulia: «E’ necessario coinvolgere le altre realtà del Nordest» GORIZIA. Muro contro muro tra il ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu e gli amministratori del Friuli Venezia Giulia sul Centro per immigrati di Gradisca. Dopo due ore di colloqui

Cpt, Gradisca non si piega alle proposte del ministro

Offerta al Comune una partecipazione diretta alla gestione della struttura alla «Polonio» «Di fronte al fermo dissenso dimostrato, ci è stata avanzata tutta una serie di proposte ed assicurazioni, fra cui la partecipazione del Comune di Gradisca alla gestione del centro ed

Gradisca – Emergenza Cpt

Tommasini sul piede di guerra: «Una decisione inaccettabile. Credo che sarà necessaria la mobilitazione generale» Non più uno, ma due centri immigrati nell’ex caserma Polonio di Gradisca: al già costruendo polo di temporanea permanenza (il chiacchierato Cpt), il Viminale intende abbinare un’altra

Centro immigrati, rabbia a Gradisca

L’associazione «Gradisca è» richiede ai politici locali di negoziare un risarcimento. Reazioni caute dal mondo dell’associazionismo Storditi dalla novità, combattuti fra l’intenzione di vendere (tardivamente?) cara la pelle e quella di lasciare che siano loro, i politici, a tentare di sbrogliare la